Progetti organici e integrati con la comunicazione

Abitare la crescente complessità richiede competenze specifiche ma, non meno, figure in grado di tradurre e orchestrare i diversi linguaggi presenti all’interno del cantiere progettuale. Ho scelto quindi di non confinarmi nelle specializzazioni del design, ma di approfondire e praticare un ampio spettro di tecniche di progettazione e di linguaggi artistici integrando i saperi in modo organico ed evolutivo. Guardandolo attraverso i miei vent’anni di esperienza, trovo sia un processo simile a una danza: un metodo accessibile e aperto per accompagnare i progetti a compiersi crescendo insieme alle persone.

1/4 – INDAGINE CULTURALE

Per individuare le strategie più adatte allo sviluppo di un progetto, ritengo fondamentale rendere visibili risorse e criticità del contesto in cui si genera. Negli anni ho verificato la centralità delle pratiche, dei linguaggi, delle forme e dei rituali con cui un gruppo esprime la propria cultura. La mia indagine si realizza combinando rappresentazioni istantanee agili e condivisibili, sperimentando collettivamente nuove idee – e le nuove forme che ne derivano – disegnando diagrammi e concependo pubblicazioni: una sintesi che espone valori e prospettive del gruppo con cui sto lavorando.

2/4 – DIREZIONE CREATIVA

Nel momento in cui la visione si traduce in organizzazione, il pensiero si prepara a concepire in modo più chiaro le azioni necessarie e i dispositivi da mettere in campo. Mi muovo affinché il processo collaborativo incorpori in modo ragionato competenze, talenti e abilità, per divenire un luogo dove siano accolte prospettive molteplici e sorprendenti. Come coordinatore coinvolgo i diversi punti di vista all’interno di una “danza” diretta in modo da tenere in equilibrio programmazione e improvvisazione.

3/4 – FORMA, FUNZIONE, MATERIALE

Attraverso il design, le idee si trasformano in forme visibili e oggetti tangibili. La mia esperienza si è concentrata negli anni sull’individuazione del percorso progettuale per realizzare grafiche, spazi e azioni, partendo dal prototipo per arrivare alla realizzazione. Restringendo il campo delle innumerevoli possibilità, l’unica costante che ho osservato in questo percorso è il principio di qualità: la migliore espressione tecnica e formale è quella che riflette il pensiero che l’ha originata, il processo che l’ha coltivata e il contesto in cui si materializza.

4/4 – SISTEMI IN RELAZIONE

Quando sono necessarie particolari risorse per ingegnerizzare, produrre, esporre o scalare un risultato, mi metto in connessione con gli esperti che, caso per caso, rispondono ai requisiti richiesti, con una particolare attenzione alle ulteriori qualità che potrebbero portare all’interno del processo. Collaborando in modo trasversale con la produzione artistica, culturale e commerciale, con la dimensione artigianale e industriale, interpreto principalmente il ruolo di traduttore, mediatore e facilitatore. So che è più divertente ed efficace delineare prospettive sperimentali e visionarie con partner che condividono il percorso: è quello che amo fare e che mi orienta nella scelta delle collaborazioni.

Visita OpenQuadra per lavori nell'ambito architettonico.