Learning from the Forum

Utrecht e Amsterdam, 2016

ORGANIZZAZIONE: Campus in Camps

CONTRIBUTO: coordinamento editoriale e della tavola rotonda, diagrammi in tempo reale, grafica

FINANZIATO DA: Ministerie van Onderwijs, Cultuur en Wetenschap

Nell’ambito di Here We Are Academy: Learning from the Forum, Campus in Camps è stato invitato da BAK (basis voor actuele kunst) insieme all’associazione We Are Here We Are Here, per facilitare una tavola rotonda e favorire il dialogo sulle complesse relazioni tra rifugiati e cittadini.

L’opuscolo intitolato Political è il risultato del gruppo di lavoro “Vocabolario del futuro” coordinato da me e dal mio collega Isshaq Al-Barbary, affrontando la questione della rappresentazione della lotta dei rifugiati nell’ambito dell’arte e della politica. La serie di pubblicazioni considera la necessità di adottare un nuovo lessico per sostenere una comprensione attualizzata del tema e sviluppare un nuovo Dizionario Collettivo.

Alcuni estratti di questo lavoro sono stati successivamente pubblicati sotto forma di interpretazione visiva all’interno di Former West: art and the contemporary after 1989, una pubblicazione curata dalla direttrice artistica di BAK, Maria Hlavajova.

What has become of the so-called West after the Cold War? After the tripartite division of the world into first, second, and third has been superseded? Why hasn’t the West simply become “former,” like its supposed counterpart, the “former East”?

— Maria Hlavajova and Simon Sheikh